// //
Storie Sportive e Scommesse

Visualizzazioni totali

domenica 11 novembre 2018

Tutti I Tipi Di Triple Play: 5-4-3, 6-4-3, etc (Assisted ed Unassisted)

Ai fini del punteggio e di giocate difensive ogni ruolo nel Baseball è contrassegnato da un numero.
Quindi quando si sente parlare di "triple play" si sentirà parlare di strani numeri: ovvero 5-4-3, 6-4-3 e così via.
Ma cos'è una triple play? Si parla di triple play quando la difesa riesce ad eliminare con un'azione di gioco: i 3 battitori avversari (analogamente si parla di double play e queste già son più frequenti, quando gli out sono 2).
L'incidenza di queste giocare è di circa 5 a stagione.

Detto ciò ogni ruolo (quindi giocatore) è evidenziato da un numero:
Pitcher = 1
Catcher = 2
1st base = 3
2nd base = 4
3rd base = 5
Shortstop = 6
Left field = 7
Center field = 8
Right field = 9

Quindi un 5-4-3 significa che la palla è stata presa dal terza base che ha poi gettato la stessa in seconda, che a sua volta ha lanciato in prima (questa giocata è quella più frequente).
A seguire il 6-4-3: SS, seconda, prima.
Poi il 4-6-3, 3-3-6, 6-6-3, 4-3-6, 4-4-3, 1-6-3 e 5-5-3 (quest'ultimi 5 già più rari).
Giocate spettacolari ma con un'incidenza bassissima di successo sono: 6-4-3-2 e il 5-4-3-2 (terza base, seconda base, prima base, casa base. I 3 out arrivano con gli ultimi 3 numeri).
Ovviamente posso accadere anche altre combinazioni ma spesso presuppongono comunque errori dei baserunners o situazioni particolari (si ricordi il 2-5-3-1 in New York Yankees v Minnesota Twins del 1982, il complicatissimo 4-6-5-6-5-3-4 in NY Yankees v Baltimore Orioles del 2013, il 2-6-2 in Seattle Mariners v Tampa Bay Rays del 2006, il 9-3-2-6-2-5 in Texas Rangers v Chicago White Sox del 2016, il 3-3-5 in Washington Nationals v San Francisco Giants sempre nello stesso anno e il 5-5-4 in Los Angeles Angels v Texas Rangers del 2018).
Il tipo più raro di triple play però è quello "unassisted", in cui un singolo difensore completa tutti e tre gli out. Ci sono state solo 15 triple play non assistite nella storia della MLB (rendendo questa impresa più rara del perfect game): cioè in media 1 ogni 28 anni di gioco!
Tipicamente, un triplo gioco non assistito si ottiene quando un middle infielder prende un line drive vicino alla seconda base (battitore out), passando poi sulla base per eliminare il runner che era partito dalla seconda per raggiungere la terza (secondo out) e poi tagga l'altro corridore che era avanzato dalla prima (terzo fuori).
In ogni caso unassisted triple play, perfect game, colpire 4 HR in una partita e 5 extra-base hits in una partita sono le imprese più rare che è possibile realizzare nel Baseball.
Ovviamente le unassisted triple play sono quel tipo di giocate in cui occorre avere tanta fortuna e la situazione giusta.


POSIZIONE ATTACCO AVVERSARIO
Qual è l'incidenza della posizione dell'attacco avversario (baserunners) su queste giocate?
Maggiori triple play avvengono con prima e seconda base occupata, a seguire con le basi piene.
Ben più difficili triple play con la prima e la terza occupata o con la seconda e la terza.

mercoledì 7 novembre 2018

Cosa Vuol Dire Vittoria All'Inglese?

Il 2-0 è solo il terzo risultato più comune in Inghilterra, da quando è stato inventato il Calcio.
I due risultati più comuni sono: l'1-0 e il 2-1.
Tuttavia quando venne coniato il detto "vittoria all'inglese" effettivamente nei campionati inglesi di allora (anni 70 e 80) era il risultato più comune.
Più precisamente, il senso forse è ancora più profondo e va al di là della ricorrenza del risultato, sottolineando come ai tempi in Inghilterra anche sull'1-0 (o 0-1) la squadra in vantaggio continuava ad attaccare per mettere al sicuro il punteggio.
A differenza del campionato italiano ad esempio, dove all'epoca i risultati più comuni erano l'1-0 e lo 0-0 (e in generale i pareggi).

giovedì 1 novembre 2018

Sistemi Di Timekeeping e Telemetria Negli Sport Motoristici

Letteralmente si chiama "Timekeeping" (cronometraggio), ci si riferisce a coloro che durante il motomondiale tramite la tecnologia misurano i tempi mediante l'utilizzo di computer, decoder, antenne.
I tempi vengono immagazzinati da un trasponder da 8 bit incastrato sotto il radiatore della moto (il più possibile vicino all'asfalto) e protetto da una finestra di kevlar.
Nel complesso si tratta di una scatoletta che riceve i segnali e li passa sul monitor del pilota: eventuali comunicazioni dei giudici di gara (bandiere in primis).
Il tutto avviene tramite delle antenne disseminate in più punti sul circuito.
Le antenne sono posizionate sotto l'asfalto per formare una specie di rettangolo con i due lati distanti 60 cm: quando la moto ci passa sopra, il trasponder riceve dall'antenna i codici che a sua volta passa via onde radio a un decoder nella stanza del Timekeeping.
Arrivati qui i dati vengono tradotti in tempi, immagazzinati nei time server e poi mostrati sui monitor.
Se i dati smettono di arrivare dipende sicuramente da malfunzionamenti del trasponder.
Da questi dati poi, vengono ottenute le "telemetrie" (cioè quel complesso di rilevazione ottica ed acustica che permette di misurare distanze piccolissime tra un punto di riferimento e l'oggetto considerato) con cui si studiano le strategie di gara.
La quantità di dati elaborata per ogni gara pesa circa 120 gigabyte.
Vengono processati circa 10mila parametri e da alcune migliaia di questi un software estrapola matrici 20x20 e tabelle.

mercoledì 24 ottobre 2018

Quanto Sono Importanti I Tifosi In Uno Stadio? I Guadagni Del Calcio Inglese

Quanto sono importanti i fans e i tifosi in uno stadio? Sicuramente tanto a livello di atmosfera e ricavi.
Questo almeno in teoria.
Secondo la BBC, più della metà dei club della Premier League infatti, scorso anno avrebbero potuto giocare in stadi vuoti e ottenere comunque un profitto nella prima stagione del nuovo contratto dei diritti TV.
Nel 2016/17, i club hanno beneficiato di un record di 8,3 miliardi di sterline di entrate per i diritti TV.

Rob Wilson (specialista in finanza sportiva presso la Sheffield Hallam University), ha affermato che: "Quando ricevi un utile di 120 milioni di sterline dalla Premier League per calciare un pallone, puoi giocare in uno stadio vuoto se necessario"
Il Bournemouth con il suo Vitality Stadium (Dean Court) ha lo stadio meno capiente della Premier League (11.450 spettatori), per questo intende costruire uno stadio più grande, nonostante un giro d'affari di quasi 136.5 milioni di sterline nel 2016/17, con ricavi di 5.2 milioni di sterline dai biglietti.

Malcolm Clarke: "Giocatori e manager vanno e vengono, ma noi siamo sempre lì. La ragione per cui si possono ottenere offerte TV lucrative è perché il prodotto mostra il rumore, i fan ospiti, di casa e la grande atmosfera. A un certo livello non hanno bisogno dei fan perché hanno così tanti soldi dalle emittenti, ma a un altro livello hanno bisogno dei fan per mantenere un prodotto attraente"

Dopo la retrocessione dalla Premier League della scorsa stagione, Swansea e West Brom hanno ridotto i prezzi dei biglietti. I loro introiti televisivi sono stati ovviamente tagliati.
I gallesi inoltre continueranno a sovvenzionare i tifosi in viaggio in modo che non spendano più di 20 sterline.

Chris Pearlman (membro dello Swansea), ammette che "Non saremmo nulla senza i fan. La realtà della Premier League è diversa visto che le entrate della TV sono cresciute così tanto da essere sproporzionate non solo a tutti gli altri campionati, ma anche a tutte le altre fonti di reddito all'interno della Premier League. Detto questo, la maggior parte di quei soldi viene poi reinvestita nei giocatori"
Il vicepresidente di Hull City, Ehab Allam, la cui famiglia è proprietaria del club, ha una relazione difficile con i tifosi, nonostante abbia guidato il periodo di maggior successo dei Tigers, ha affermato che i fans sono "cruciali".
Complessivamente, le vendite di biglietti costituiscono circa un quarto del reddito medio del club, secondo un analisi di bilancio del 2016/17 di 61 squadre di calcio delle quattro principali divisioni inglesi che hanno fornito delle stime per le vendite di biglietti o entrate simili.
Lo Sheffield United si è rivelata la squadra più dipendente dalla vendita dei biglietti in tre delle quattro stagioni, tra il 2013/14 e il 2016/17.
Le Blades secondo la BBC hanno guadagnato 7,9 milioni di sterline dai biglietti con un introito complessivo di 11,4 milioni di sterline nella stagione in cui vinsero il campionato (2016/17).
I prezzi medi dei biglietti stagionali nella massima serie del calcio inglese sono rimasti ai livelli più bassi dal 2013, dopo essere caduti per il secondo anno consecutivo in seguito ad un contratto record di diritti televisivi per 8,3 miliardi di sterline firmato la stagione precedente.
I bilanci mostrano che 20 club su 66 hanno speso di più per i costi del proprio personale (dai giocatori agli impiegati) più di quanto ne abbiano prodotti.
Ad esempio, il Bolton Wanderers (un club ormai in difficoltà da anni e con il rischio di amministrazione controllata dietro l'angolo) ha speso 12.6 milioni di sterline per il personale, ricavandone solo 8.26 milioni di sterline.
Dunque si capisce come i fans, soprattutto nelle serie inferiori, siano "la linfa vitale" di molti club.
Clarke, della FSF, ha aggiunto: "Più inferiore è la serie, più i prezzi dei biglietti sono importanti perchè se un club vuole avere successo devono potersi permettere i giocatori, quindi i fan devono pagare di più. Riteniamo comunque che più denaro dovrebbe essere disceso dalla Premier League in una ridistribuzione più aequa pure nelle serie inferiori. È nell'interesse della Premier League mantenere la piramide del calcio in buona salute"

Il Manchester United, recentemente classificato come il secondo marchio sportivo più prezioso al mondo dalla rivista economica Forbes, ha fruttato più di 111,6 milioni di sterline di entrate della giornata.
Il valore del Manchester Utd è 581 milioni di sterline, invece tutte le squadre di Championship (23) raggiungono i 692 milioni di sterline.

Maguire: "Negli ultimi anni l'Arsenal, il Manchester United e il Liverpool hanno ampliato le capacità dei loro stadi, e poiché non hanno proprietari ricchi come Chelsea e Manchester City, il costo di biglietti ed abbonamenti è essenziale come mezzo per finanziare gli investimenti per acquisti e salati. Quando il Liverpool ha ampliato Anfield, una percentuale significativa dei nuovi posti è andata a partner aziendali"

Fuori dalla Premier League, Maguire afferma che l'importanza dei fan è ancora maggiore.
I fan del Blackpool hanno tenuto frequenti marce di protesta contro i proprietari del club, la famiglia Oyston.
Le presenze medie a Bloomfield Road sono scese da poco più di 14.200 del 2013/14 a 3.456 nel 2016/17, stagione in cui hanno ottenuto la promozione dalla League Two dopo aver subito due retrocessioni consecutive (il biglietto cumulativo e le entrate del gate cadevano da £ 2,77 milioni a solo £ 884,565).
La lunga campagna contro i proprietari del club, la famiglia Oyston, descritta come una "guerra civile" di Andy Higgins, vice presidente del Blackpool Supporters 'Trust si è intensificata negli ultimi anni dopo che alcuni sostenitori sono stati citati in giudizio per insulti online.
Alcuni fan abbandonarono lo stadio, altri impugnarono proteste ed altri ancora si resero protagonisti d'invasioni di campo. C'è anche un'iniziativa "Not A Penny More" in cui i fan sono incoraggiati a non spendere soldi nello stadio.
A Charlton, una sezione di fan sta anche boicottando le partite in segno di protesta contro il proprietario Roland Duchatelet.
I fan di Charlton e Coventry hanno lanciato migliaia di maiali di plastica in campo in una protesta congiunta che ha interrotto una partita di League One al The Valley nel 2016
Il movimento di protesta dei tifosi del Charlton è il "Campaign Against Roland Duchatelet".
Dagli oltre 16.100 spettatori del 2013/14 (Championship) si è scesi 11.162 nella stagione 2016/17 in League One.
Ciò ha coinciso con un calo di entrate da £ 6.315 milioni a £ 3.176 milioni.


T'interessano altri articoli su storie sportive(doping, scandali, suicidi, partite vendute, etc) e scommesse?
Qui trovi l'indice completo ed aggiornato del blog:  Indice Storie Sportive(Doping, Suicidi, Partite Vendute, Stake, etc)

mercoledì 17 ottobre 2018

E' Scott Boras Il Procuratore Sportivo Più Ricco Al Mondo (MLB)

Secondo Forbes, il procuratore più ricco al mondo è Scott Boras, il guru del Baseball.
Per lui 105,1 milioni di dollari incassati e accordi gestiti per i suoi clienti da quasi due miliardi.
Nel campo ormai da 31 anni, rappresenta 175 atleti del mondo del Baseball e come si può vedere dalla lista delle firme alcuni di altissimo profilo.
Tra i suoi assistiti più celebri della MLB ci sono i due assi Max Scherzer e Stephen Strasburg
dei Washington Nationals.
Tutto qui? Non esattamente perchè nel suo roster ci sono (o ci sono stati) anche: Kris Bryant, Adrian Beltre, Jered Weaver (e Jeff Weaver), Shin-Soo Choo, Dallas Keuchel, Lance McCullers, Jacoby Ellsbury, Prince Fielder, Matt Holliday, Carlos Beltran, Mark Teixeira, Manny Ramirez, James Paxton, Troy Tulowitzki, Anthony Rendon, Gerrit Cole, Chris Davis e Jayson Werth tra gli altri.
Tuttavia Boras è diventato famoso per il contratto da 240 milioni spuntato per l’ex
bombardiere dei New York Yankees, Alex Rodriguez.
L’anno prossimo passerà di nuova alla storia negoziando il contratto della star (e free agent) Bryce Harper, altro fuoriclasse dei Nationals.
Ma cosa fa un procuratore/agente sportivo? Negozia, per conto degli atleti, i contratti con le società sportive ottenendo, in cambio, una % dell'ingaggio.
Oltre a gestire i contratti degli atleti, i procuratori curano spesso anche le loro relazioni pubbliche.
Talvolta, sono i clienti a chiedere agli agenti di orientarli nella vita d'affari.
In alcune nazioni (e campionati sportivi), i procuratori gestiscono un elevato numero di sportivi, e quando un giocatore si trasferisce da una società sportiva ad un'altra, essi rimangono proprietari di una % del cartellino.
Nel corso dei suoi 31 anni come agente sportivo, Boras ha rappresentato centinaia di giocatori in tutte le 30 squadre della Major League e ha partecipato a dozzine di negoziazioni di altissimo profilo.
La specialità di Boras è infrangere il record sui contratti strappati dai suoi assistiti, ciò fornisce un "umbrella" (ombrello) che permette anche agli altri giocatori di trarre vantaggio.
Boras è ben noto per l'utilizzo di clausule particolari come riguardo bozze salariali, consigliando alle superstar di diventare free agent piuttosto che stipulare contratti "discount hometown".
Boras è anche noto per le sue strategie innovative nel draft, negli arbitrati di stipendio e free agency, che hanno avvantaggiato enormemente i suoi clienti al punto da spingere la Major League Baseball a cambiare regole in diverse occasioni.
Ciò ha portato Boras ad essere contemporaneamente "l'uomo più odiato del Baseball" (dal punto di vista del management) e allo stesso tempo fondamentale in quanto "i giocatori non possono permettersi di vivere senza".
L’americano è dunque riuscito nel superare facilmente il guru calcistico Jorge Mendes (introiti per
100,5 milioni), che segue celebrità del pallone quali Cristiano Ronaldo, José Mourinho, Diego Costa, Radamel Falcao e James Rodriguez tra gli altri.
A seguire l'inglese Jonathan Barnett con quasi 80 milioni di dollari, colui che portò Lennox Lewis nel mondo della Boxe.
Tra i suoi clienti calcistici Gareth Bale, Luke Shaw, Joe Hart, Fosu Mensah, etc


T'interessano altri articoli su storie sportive(doping, scandali, suicidi, partite vendute, etc) e scommesse?
Qui trovi l'indice completo ed aggiornato del blog:  Indice Storie Sportive(Doping, Suicidi, Partite Vendute, Stake, etc)

sabato 13 ottobre 2018

La Storia Di David Coulthard e Il Caso Spa 1998 (F1)

David Coulthard nacque il 17 marzo 1971 in Scozia e corse per Williams, McLaren e Red Bull.
In carriera ottenne 62 podi e 13 vittorie, principalmente in McLaren.
Nel 1998 e 1999 fece grande proprio la scuderia di Woking (anche se il merito fu soprattutto di Mika Hakkinen che riuscirà a vincere i due mondiali).
Anche il 2000 fu un'ottima stagione per il pilota scozzese che vincerà 3 gare (si ricordi soprattutto il bellissimo GP di Francia).
Nel 2001 vince altri due GP e finisce secondo nel mondiale alle spalle di Michael Schumacher (sarà il migliore risultato della sua carriera, visto che nel 1995, 1997, 1998 e nel 2000 chiuderà al terzo posto nella classifica finale).


IL CASO SPA
Nel GP di Montecarlo 1996, David dimenticò il casco da pioggia e alla domenica puntualmente diluviò.
Il neoferrarista Michael Schumacher corre in suo aiuto e, in virtù dello stesso main sponsor (Marlboro), della casa costruttrice (Bell) e soprattutto della taglia, gliene presta uno dei suoi.
Coulthard chiuderà la gara al secondo posto.
Fine agosto 1998, la Formula 1 è di scena a Spa (GP del Belgio).
Pronti via, alla Source Coulthard arriva affiancato ad Irvine, entrambi sono un po' larghi di traiettoria; nel tentativo di rimettersi in linea lo scozzese perde il controllo della McLaren, colpisce il muretto dei vecchi box, rimbalza in pista davanti al gruppo e viene ovviamente centrato dal ferrarista.
16 vetture vengono coinvolte: è record e per fortuna nessuno si fa veramente male.
La gara poi riparte, Hakkinen si gira dopo pochi metri e viene messo fuori gara dalla Sauber dell'incolpevole Johnny Herbert: a quel punto in Ferrari pensano che sia fatta.
Schumache una volta sbarazzatosi di Hill domina la corsa in una solitudine perfetta, interrotta solo dai doppiaggi.
Al giro 26 è la volta della McLaren di Coulthard che sta annaspando nelle retrovie, inizialmente al al tornantino della Source Coulthard non gli dà strada ignorando le bandiere blu, poi nel rettilineo in discesa verso Pouhon lo scozzese rallenta improvvisamente e il tedesco, con la visuale completamente ostruita dal muro d’acqua, lo colpisce violentemente: la sospensione anteriore destra della Ferrari è distrutta, il tedesco rientra ai box su 3 ruote ed è costretto al ritiro.
Una volta sceso dall'auto il tedesco si fionda a cercare il rivale, vanamente inseguito da un giovanissimo Stefano Domenicali che viene pure spintonato via.
La rissa in qualche modo viene scongiurata, Schumacher sarà sempre del parere che Coulthard l'abbia fatto apposta.

Coulthard (2018): "A Monza nel 1998 ogni volta che uscivo dal garage sentivo gli ululati del pubblico. Mi chiamavano killer. Ovviamente non mi piace affatto. Ma tutta quell'energia, anche in negativo ha a che fare con la passione, con il fascino del nostro sport"


ALTRE CONTROVERSIE
Nel 1999 Schumacher si infortuna a Silverstone mentre si sta giocando nuovamente il titolo contro il finlandese della McLaren.
David si rende protagonista di errori e situazioni controverse.
La partenza del GP d'Austria docet.
Al via, Hakkinen, scattato dalla pole, viene affiancato dal compagno: è in vantaggio in ottica seconda curva trovandosi sulla traiettoria esterna ma lo scozzese tenta un attacco all'interno in staccata centrandolo nel retrotreno e obbligandolo ad una rimonta dall'ultima posizione.
L'irlandese Irvine, incredulo, viene ufficialmente inglobato nella lotta per il titolo.
Appena tre gare dopo Coulthard si aggiudica il GP del Belgio, dominato fin dal via, e sottraendo punti preziosi al compagno.
Il paradosso è che, nonostante errori e scelte sbagliate, lo scozzese rientra nella lotta iridata fino al GP d'Europa dove però si autoelimina dalla gara.
Alla vigilia dell'ultimo appuntamento stagionale, a Suzuka, la McLaren ha bisogno dei suoi punti per vincere anche il titolo costruttori e David uscendo di pista a seguito di un incidente, consegna il trofeo alla Ferrari.
Nel 2000 invece viene squalificato a fine gara nel GP del Brasile per irregolarità nella conformazione dell'alettone anteriore (GP chiuso al secondo posto).
Per quanto riguarda i rapporti tra Coulthard e Schumacher saranno molto difficili negli anni successivi, anche se va detto che miglioreranno nel tempo (2006).
Poi quando il pilota scozzese decide di ritirarsi (2008), Michael Schumacher deciderà di scambiarsi il casco proprio con lui.

Coulthard (2014): "Ci sono state alcune occasioni, quando ero compagno di Mika Hakkinen in McLaren, in cui lui non mi voleva parlare. Sentiva che, vincendo alcune gare, gli stavo rovinando la festa. Alla fine, in ogni caso, il tuo compagno di squadra non è tuo amico. Si può parlare quanto si vuole del fatto che si cresce come amici, ma devi battere l’altro"


T'interessano altri articoli su storie sportive(doping, scandali, suicidi, partite vendute, etc) e scommesse?
Qui trovi l'indice completo ed aggiornato del blog:  Indice Storie Sportive(Doping, Suicidi, Partite Vendute, Stake, etc)

domenica 7 ottobre 2018

Migliori Frasi Di Luca Franchini e Michele Posa (Wrestling)

Con oltre 17 anni di telecronaca, dopo Dan Peterson, sicuramente Luca Franchini ("il godzilla") e Michele Posa ("il bardo") sono le voci del Wrestling pay per view di Sky.
La loro carriera inizia su Stream TV nel 2000 (antagonista di Tele + all'epoca), prima di passare sulla neonata Sky nel 2003 (TV a pagamento nata dalla fusione di Tele + con Stream TV).
In questo articolo vedremo le loro migliori frasi durante le telecronache del Wrestling (diventati veri e propri tormentoni almeno tra gli appassionati italiani di questo sport, se così lo vogliam chiamare).


"Uouououououo! Benvenuti amici del grande Wrestling...ad una nuova puntata di Raw integrale, con Luca Franchini e Michele Posa!"

 "Un colpo duro come la sella di un cosacco!"

[sul conto di 2]
"Woooo, per un ciuffo d'erba. Per il rotto della cuffia"

"1, 2...noo! Per la casetta di un Puffo"

"Per un gancio di reggiseno"

"Per un pelo di gatto"

"E' steso a terra come una pelle di daino"

"Se Dio esiste e l'uomo non deriva dalla scimmia, come può Dio aver creato un uomo brutto come Finley?"

"Ric Flair è sotto pressione come la tazza del cesso di Galeazzi!"

"Carlito is not cool, but is culo!"

"E' circondato come un battaglione tedesco in Normandia"

"Non sta mica a curare le biciclette"

"Non sta mica a far ballare gli orsi"

"Non sta mica a soffiare nelle cannucce"

"Non è qui a pettinare le bambole"

"Stasera non ha mangiato fagioli"

"E' stanco come un rospo"

[Arrivano le divas]
"Frank! Mani sul tavolo!"

"Salti in groppa alla chiavicona di Jericho"

"Questa è poesia in movimento signori"

"Alzati da terra...Ofellone!"

[A Wrestlemania Triple H scende dal ring per prendere lo sladgehammer]
"Cosa ci sarà sotto il ring? Un gatto? Topo Gigio? O forse Rey Mysterio?"

"Ha preso il martellone"

"Il cessone Vickie Guerrero"

"Il fannullone dei Caraibi"

"Non ne fa fuori nemmeno uno schizzo"

"L'Undertaker non è vestito cosi perchè è un parcheggiatore abusivo ma perchè lui è il becchino e quella che ha appena preparato è la tomba dove Hassan marcirà per sempre...e non sarà come quella di Tutankamon piena di gioielli ma sarà piena di serpenti..."

"Guarda forse ha paura del Puffo Menarolo"

"L'ha fatta grossa, come un elefante in diarrea"

"L'ha colpito sul cancello del ranch"

"L'ha colpito sul sacco a pelo!"

"Un calcio nella lontra"

"Oh no, l'ha colpito sul brontosauro"

"...e Bubba Ray deve sperare che Misterio non abbia mangiato fagioli"

[Edge arriva a bordoring portando con sè Vickie Guerrero sulla sedia a rotelle]
"Ecco che si manifestano sullo stage Edge e la befana"
"Quella vecchia cornacchia è arrivata. Tra l'altro tra qualche settimana si sposano quei due lì"

"Batista è sulla graticola. Kali lo sta cuocendo a fuoco lento"

[riferito a Vickie Guerrero]
"Guarda là l'arpia come starnazza"

"Caduto dal ring come una pera cotta"

"Quando c'è una sola donna e ci son due uomini, anche l'amicizia più profonda...salta"

"Ma se Kali elimina Batista dalla WWE, in India gli fanno i ponti d'oro, gli fanno una statua nella piazza principale, diventa intoccabile come una vacca sacra"

[Parlando di Kane e Lita]
"Kane non la vede manco col decoder"

"Eh Rico va in brodo di giuggiole"

[riferito a Kali]
"Ed ora ecco...le fauci del coccodrillo, la mano della morte! Nooo arriverà di taglio come Excalibur"

[riferito ad Undertaker]
"Oh no, ora gli taglierà la gola"

"Ohhh ragazzi, aggiungete un posto a tavola!"

"Quando vedo Miss Jackie vado in bagno"

[Randy Orton immobilizzato a terra]
"Randy Orton sembra un mollusco, immobilizzato nella padella che frigge dinanzi all'olio bollente"

[Si sfidano Orton e Batista per andare a sfidare Triple H per il titolo di campione del mondo. Triple H, Batista e Flair fanno ancora parte dell'Evolution. Triple H e Flair stanno a bordo ring, Batista sta per sconfiggere Orton dopo aver annullato l'RKO del rivale, Flair distrae l'arbitro invece Triple H prende una sedia da passare a Batista...al che Michele Posa prende le parti di Triple H, invece Luca Franchini di Batista]
"Triple H ha una sedia, a cosa serve la sedia?"
"Vuole passarla a Batista approfittando..."
"Ma non ha bisogno della sedia, Batista!"
"Be' è un vantaggio!"
"Vedi ha detto 'non ho bisogno di quella sedia' "
"Prendila Batista"
"Nooo nooo"
"Deve prenderla"
"Butta giù Triple H con un pugno, Batista!"
"C'è andato addosso lui contro la sedia"
"Nooo nooo Orton lo sta schienando, Triple H è un bastardoooo, lo sapevo lo sapevo!"
"Ma non è colpa di Triple H!"
"Come no, hanno fregato Batista un'altra volta"
"Ma come fai a dirlo è stato Batista che non ha voluto prendere la sedia"
"Ma Batista non aveva bisogno della sedia, l'ha fregato un'altra volta!"
"Ma se l'avesse presa avrebbe vinto comodamente!"
"Nooo avrebbe perso comunque per squalifica! Batista gliela deve spaccare sulla testa!"
"Ma l'arbitro era Mr Magoo figurati se...se ne accorgeva"
"Ma caspita Michele perchè non apri gli occhi? Ma non aveva bisogno della sedia, intanto l'unico che ride è Randy Orton!"

[A Vengeance dopo il promo del diva contest e l'entrata di Molly Holly]
"Ma come prima le gnocche e poi i cessi, cioè come dire l'oro e il ferro"
"Tu in battaglia ci vai con il ferro!"
"No, il ferro ce l'ho in mezzo alle gambe!"

"Guardate Triple H sta portando via a Eugene la sua ingenuità, la sua bontà...è come vedere praticamente Heidy sul marciapiede"

"Chi cambia canale finirà in prigione con l'orsetto ricchione"

"Chi cambia canale passerà un'estate in solitudine"

"Chi cambia canale non gli dà una bagnata"

"Chi cambia canale non gli si alza l'antenna"

"Chi cambia canale si lustra il manubrio"

"Chi cambia canale si mangia il fieno"

"Chi cambia canale, lo immergo in un carro pieno di catarro!"


T'interessano altri articoli su storie sportive(doping, scandali, suicidi, partite vendute, etc) e scommesse?
Qui trovi l'indice completo ed aggiornato del blog:  Indice Storie Sportive(Doping, Suicidi, Partite Vendute, Stake, etc)